Tor Browser
Tor Browser è un software gratuito che consente di navigare online restando anonimi.
Usufruendo dei servizi messi a disposizione, infatti, è possibile far sì che collegandosi ad un sito Web non vengano fornite informazioni personali, nascondendo la propria connessione dietro una fitta rete di nodi distribuiti in tutto il mondo.
Il funzionamento di Tor è infatti piuttosto semplice: attivandolo sul proprio computer, ogni richiesta effettuata ad un server non avviene in maniera diretta, bensì rimbalza per altri nodi per garantire maggiore protezione, fornendo all’utente finale quanto richiesto in brevissimo tempo. Semplice da configurare e del tutto trasparente all’utente, rappresenta ad oggi una delle migliori soluzioni nel settore della navigazione anonima in Internet.
La navigazione anonima con Tor Browser
Utilizzando Tor, quindi, è possibile rendere più difficile l’intercettazione di informazioni personali durante la navigazione. Collegandosi normalmente ad un sito Web, infatti, vengono forniti una serie di dati relativi alla propria connessione, come ad esempio l’indirizzo IP, il quale in qualche modo può essere utilizzato per risalire geograficamente all’utente che ha effettuato la richiesta. Sfruttando invece Tor si può aggirare tale problema, nascondendo la propria connessione all’interno di un network di server virtuali (relay) gestiti da volontari e messi a disposizione proprio a tale scopo.
Tali server fungono quindi da router tra l’utente ed il server, mediando ogni comunicazione e rendendo quindi impossibile al server conoscere la reale identità del client che ha inviato una richiesta. Tale operazione di filtraggio rende quindi la navigazione sensibilmente più sicura, affidabile e protetta, senza tuttavia offrire una garanzia pari al 100% da tale punto di vista. In più, Tor può essere utilizzato per accedere a siti Web ai quali è impossibile collegarsi utilizzando la propria connessione, ad esempio a causa di blocchi imposti dal proprio provider. Il tutto, poi, avviene utilizzando comunicazioni a bassa latenza, riducendo al minimo i ritardi dovuti agli step intermedi richiesti.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *